Festival del Formaggio Ubriacato: buona la prima!

A San Pietro di Feletto (TV) si è appena conclusa la prima edizione del Festival del Formaggio Ubriacato, una due giorni interamente dedicata al formaggio ubriacato, organizzata da PER percorsi enogastronomici in collaborazione con l’Accademia Internazionale dell’Arte Casearia.

L’evento si è svolto da PER, la bottega-ristorante, nei cui locali hanno trovato spazio alcuni tra i migliori operatori del settore lattiero-caseario con i loro formaggi ubriacati. Uno degli obiettivi dell’iniziativa era quello di dare lustro alle produzioni di qualità di questa tipologia di formaggio, che sempre più spesso deve fare i conti con produzioni che ne riprendono lo stile, cavalcando una sorta di “moda”, ma “dimenticano” gli aspetti qualitativi.

Durante le due giornate, il pubblico presente, oltre ai banchi d’assaggio, ha avuto modo di partecipare ad alcune degustazioni guidate. E non dimentichiamo i laboratori didattici per bambini, che si sono cimentati nella produzione di piccole caciotte.

Gli espositori

Festival del Formaggio Ubriacato 2016

Otre alla Latteria Perenzin – i “padroni di casa” – tra gli espositori c’erano:

Gli abbinamenti

Parlando di formaggio non si poteva tralasciare uno degli abbinamenti classici: la mostarda. All’evento erano presenti anche due importanti aziende specializzate nella produzione di mostarda: la veneta Lazzaris, storica azienda di Conegliano (TV), e la mantovana Senga, azienda che cura tutta la filiera, dalla coltivazione della frutta alla produzione.

Sempre in tema di abbinamento, tra gli espositori c’era anche la birra artigianale di 32 via dei birrai, che è stata anche protagonista dell’ultima degustazione in calendario.

Come è andata?

Dalla risposta del pubblico e degli operatori presenti direi che gli organizzatori si possono ritenere molto soddisfatti. E per gli appassionati di formaggio, l’occasione era ghiotta: non capita spesso di trovare assieme i più rinomati produttori, affinatori e aromatizzatori di formaggi del panorama nazionale.

Non ci resta, quindi, che aspettare la prossima edizione!